INFO 

Tel   02 349 42 02

Email   f.decaprio@santateclaproject.com

  CONTATTACI 

Via Emanuele Filiberto, 14

20149 Milano

Cerca

Detrazioni fiscali ristrutturazioni 2019



Da pochi giorni sul sito dell’Agenzia delle Entrate è stata pubblicata la guida aggiornata delle detrazioni fiscali per gli interventi di ristrutturazione.

È possibile detrarre dall’Irpef una parte dei costi sostenuti per ristrutturare la propria abitazione e/o le parti comuni degli edifici residenziali situati nel territorio dello Stato.

Per tutti i lavori effettuati sulle singole unità abitative è possibile usufruire:

- del 50% delle spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2019, con un limite massimo di spesa pari a 96.000€ per unità immobiliare;

- del 36% su un limite massimo di spesa di 48.000€ per ogni unità e a partire dal 1° gennaio 2019.

I soggetti destinatari della detrazione sono tutti i contribuenti assoggettati all’Irpef, residenti o meno nel territorio dello stato. L’agevolazione spetta non solo ai proprietari degli immobili, ma anche a chi gode di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le spese.

Gli interventi per cui spetta l’agevolazione fiscale sono tutti quei lavori che riguardano la manutenzione straordinaria, il restauro e risanamento conservativo, la ristrutturazione edilizia.

Ad esempio tra i primi rientrano tutte quelle opere e modifiche necessarie per rinnovare o sostituire parti strutturali degli edifici, interventi per il frazionamento o l’accorpamento delle unità immobiliari con esecuzioni di opere a condizione che non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga l’originaria destinazione d’uso. Nella categoria di “restauro e risanamento conservativo” sono compresi tutti gli interventi che hanno lo scopo di conservare l’immobile ed assicurarne la funzionalità. Infine, tra gli interventi di ristrutturazione edilizia sono compresi tutti quelli rivolti a trasformare un fabbricato attraverso delle opere che possono portare ad un nuovo fabbricato o in parte diverso dal precedente.

Beneficiano dell’agevolazione anche tutti gli interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, a condizione che sia stato dichiarato lo stato d’emergenza.

È importante specificare che per poter usufruire della detrazione è necessario che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario o postale, anche online, da cui risultino la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione ed infine il CF o la P.Iva del beneficiario del pagamento.

Per ulteriori informazioni ed approfondimenti vi invitiamo a consultare la guida dell’Agenzia dell’Entrate https://bit.ly/2Q7mkaQ.